Assegno di inclusione

Dal 1° gennaio 2024 è possibile chiedere l’Assegno di Inclusione (ADI). Leggi quali requisiti devi avere e come fare.

Data :

15 febbraio 2024

Assegno di inclusione
Municipium

Descrizione

La Legge di Bilancio 2023 ha stabilito che il Reddito di cittadinanza sarà abolito e al suo posto vengono introdotti:

- A partire dal 1-9-2023 Supporto alla formazione e al lavoro (misura che prevede l'attivazione al lavoro - Legge del 3 07 2023 n 85)
- A partire dal 1-1-2024 L’assegno di inclusione (una misura di sostegno economico e di inclusione sociale e professionale (Legge 85 del 3 luglio 2023)

Al fine di garantire un efficiente gestione delle domande, si prega di seguire le seguenti indicazioni:

  • quando la domanda di Assegno di Inclusione viene accolta, bisogna evitare di chiamare o presentarsi direttamente in Comune;
  • l'assistente sociale incaricata/o del caso contatterà direttamente la persona non appena la domanda comparirà sulla piattaforma dedicata e la domanda verrà presa in carico.

(Questa modalità mira a garantire un servizio più rapido ed efficiente) 

Per eventuali domande o chiarimenti, vi invitiamo a chiamare i seguenti contatti telefonici del Servizio Assegno di Inclusione:           

- 0225308526: il venerdì dalle 9.30 alle 12.30

- 0225308211: il martedì dalle 14.30 alle 17.00

- 0225308543: il lunedì dalle 9.30 alle 12.30

In caso di non risposta, vi chiediamo gentilmente di lasciare un messaggio nella segreteria telefonica specificando il vostro nome, cognome e il motivo della chiamata.

Chi può chiedere l’Assegno di inclusione

Si può chiedere l’Assegno se nel nucleo familiare c’è almeno una persona:

  • con disabilità
  • con almeno almeno 60 anni
  • minorenne
  • in condizioni di svantaggio. inserita in un programma di cura e assistenza dei servizi socio sanitari del territorio, come ad esempio:
    - persona con dipendenze
    - donne vittime di violenza
    - persone in carico ai servizi psicologici e psichiatrici
    - persone senza fissa dimora iscritte all’Anagrafe del Comune, che si trovano in una condizione di povertà tale da non poter reperire e mantenere un’abitazione in autonomia e che sono in carico ai servizi sociali

Se nel nucleo familiare c’è almeno una persona con le caratteristiche scritte sopra, è possibile richiedere l’Assegno di inclusione solo se al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata dell’Assegno, si posseggono i seguenti requisiti:

di cittadinanza

  • essere cittadino europeo o un familiare titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente.
  • essere cittadino di paesi terzi extra UE  in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiorni di lungo periodo.
  • essere titolare dello status di protezione internazionale (asilo politico o protezione sussidiaria).
  • residenza in Italia da almeno cinque anni, di cui gli ultimi due anni in modo continuativo. Questo vale anche per tutti i componenti del tuo nucleo familiare.

economici

  • avere un valore dell’ISEE, in corso di validità, non superiore a 9.360 euro.
  • un reddito familiare inferiore a 6.000 euro annui moltiplicato per il corrispondente parametro della scala di equivalenza.
  • un valore ai fini IMU del patrimonio immobiliare oltre la prima casa non superiore a 30.000 euro. Il valore dell’abitazione principale non può essere superiore a 150 mila euro.
  • un valore del patrimonio mobiliare, come definito ai fini ISEE, non superiore a 6.000 euro. La soglia aumenta di 2.000 euro per ogni componente del nucleo familiare successivo al primo, fino a un massimo di 10.000 euro, incrementato di altri 1.000 euro per ogni minorenne successivo al secondo. Questi importi aumentano di 5.000 euro per ogni componente con disabilità e di 7.500 euro per ogni componente con disabilità grave o non autosufficiente.
Non si può chiedere l’Assegno

Se il richiedente o un componente del nucleo familiare ha o è intestatario di:

  • autoveicoli di cilindrata superiore a 1600 cc. o motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc., immatricolati la prima volta 36 mesi prima della richiesta o navi, imbarcazioni da diporto e aeromobili di ogni genere.
  • risulta disoccupato a seguito di dimissioni volontarie fino a 1 anno dalla data delle dimissioni. Questo non vale per le dimissioni per giusta causa e per le risoluzioni consensuali del contratto di lavoro intervenute nell’ambito della procedura di conciliazione (di cui all’art. 7 della Legge 15 luglio 1966, n. 604).
  • è sottoposto a misura cautelare o a misura di prevenzione.
  • ha sentenze definitive di condanna o adottate ai sensi dell’articolo 444 e seguenti del codice di procedura penale (cosiddetto “patteggiamento”), intervenute nei 10 anni precedenti la richiesta.
  • risiede in strutture a totale carico pubblico (ad esempio le famiglie inserite in comunità, RSA in cui la retta è interamente pagata dal Comune, etc).
Come chiedere l'Assegno di inclusione

E' possibile fare domanda di ADI tramite SPID/CIE sul sito INPS oppure presso i patronati e i CAF (Centri di Assistenza Fiscale).

 

Informazioni nel dettaglio sul sito del Ministero del Lavoro

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito?
1/2
Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?
1/2
Vuoi aggiungere altri dettagli?
2/2
Inserire massimo 200 caratteri
È necessario verificare che tu non sia un robot