Sportello antiviolenza di genere - Comune di Cologno Monzese

archivio notizie - Servizi sociali - Comune di Cologno Monzese

Sportello antiviolenza di genere

 
Sportello di informazione e consulenza gratuita per donne che subiscono una situazione di maltrattamento.


La nuova sede di via Arosio 2, inaugurata l'8 marzo, è un decentramento del centro sovrambito dei comuni di Cinisello Balsamo, Bresso, Sesto San Giovanni, Cormano, Cusano Milanino e Cologno Monzese dedicato a donne sole, con o senza figli minori, vittime di violenza e maltrattamenti.

Lo sportello cittadino offre attività di ascolto, assistenza psicologica e legale per donne vittime di violenza, che potranno essere accompagnate nel percorso verso la normalità, ed affianca le attività della sede centrale, situata presso l’ospedale Bassini di Cinisello Balsamo, nell’ambito dell’accordo di collaborazione sottoscritto con la Regione Lombardia dai Comuni degli Ambiti Distrettuali di Cinisello Balsamo e Sesto San Giovanni/Cologno Monzese, per l’attivazione di servizi e iniziative finalizzate al contrasto e alla prevenzione della violenza sulle donne e alla protezione delle vittime di violenza (L.R. 11/2012).


Nuova sede Ve.Nu.S dello Sportello Decentrato di Cologno Monzese - Via Arosio 2
Orari:

  • lunedì dalle 15.30 alle 18.30
  • giovedì dalle 9.30 alle 12.30

Sportello VE.NU.S.  - Via M. Gorki, 50 (entrata Ospedale Bassini) Cinisello Balsamo

Orari:

  • lunedì, mercoledì, venerdì e sabato dalle 09.00 alle 12.00
  • martedì e giovedì dalle 15.00 alle 19.00
  • domenica servizio di reperibilità

Modalità di accesso:
Allo sportello ci si può rivolgere con accesso diretto senza bisogno di appuntamento negli orari indicati, oppure:

alle donne sono garantiti l’anonimato e la segretezza

L’equipe del Centro, composta da sole donne, comprende assistenti sociali, psicologhe, avvocate, volontarie, e mediatrici linguistiche e culturali.


NON SEI DA SOLA – Regione Lombardia

NonSeiDaSola è l’App di Regione Lombardia con la quale le donne, i cittadini, gli operatori sanitari e le forze dell’ordine possono ricercare attraverso un sistema di geolocalizzazione i centri antiviolenza e gli sportelli più vicini.


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (109 valutazioni)