Le origini di Cologno Monzese e le vie di comunicazione - Comune di Cologno Monzese

Utilità | Conoscere la città - storia | Le origini di Cologno Monzese e le vie di comunicazione - Comune di Cologno Monzese

 

LE ORIGINI DI Cologno Monzese

 

L’origine di Cologno Monzese risale al 333 d.C., in epoca tardo romana ed è legata al fenomeno delle “colonizzazioni” romane. Il nome, infatti, ne attesta la sicura origine romana, deriva dal latino “colonia”, anzi “colonia super Lambrum” perché sorgeva alla sinistra del Lambro. Questo nome si conservò per oltre un millennio senza cambiamenti, poi dopo il mille si usò l’espressione “colonea” trasformata poi dal dialetto locale in “culogn” da cui derivò l’attuale Cologno. A testimonianza dell’origine romana esisteva “un ?ponte Carale? posto sul Lambro ?in loco et fundo Colonia? di cui erano ancora visibili i resti nel 862 ma non è rimasta attualmente alcuna traccia. Cologno fu certamente in età imperiale, come nell’alto medioevo, un villaggio agricolo, ed è assai probabile che il nome di ?Colonia? indichi appunto che il luogo era abitato da coloni; ma per la sua posizione su una importante via di raccordo fra due grandi arterie di traffico (la via che univa la Mediolanum-Bergomum a sud e la Bergomum-Comum a Nord). Cologno potè forse negli ultimi anni dell’Impero e prima della conquista della fortezza dell’Isola Comacina da parte dei Longobardi (anno 587) avere qualche importanza strategica.”[1]

 

La storica Rossetti, nel volume citato, ne illustra la posizione in rapporto al reticolo stradale romano affermando che “una strada romana doveva scorrere tuttavia anche lungo la sponda sinistra del Lambro, passando per Cologno, Octavo-San Cristoforo, Monza. Ne rivela il tracciato la carreggiabile che da Cologno sale perpendicolarmente verso Nord fino alla località Cascina Nuova, si perde per un breve tratto percorso da canali, e riprende ininterrotta da San Cristoforo fino a Monza. [?] Nel luogo di Sertole, ora Cascina Santa Maria a nord di Cologno, è inoltre testimoniata ripetutamente nella prima metà del secolo XI una località dal nome significativo di ?Quadrubium?, una conferma indiretta del passaggio di una via romana ?in loco e fundo Colonia?.” [2]

 

Cologno nasce quindi da un insediamento romano: villaggio agricolo nell’età imperiale e nell’alto Medioevo. L’antico abitato di Cologno è citato in quanto “mansio”, stazione di tappa dove si poteva trovare alloggio, in un itinerario del IV secolo, da un pellegrino che partito da Bordeaux, volle andare in Terrasanta. Quest’itinerario burdigalense si chiamerà in seguito Via Palmaria, perché palmari erano detti i pellegrini che ritornavano dalla Terrasanta portando come testimonianza del loro viaggio un ramo di Palma.

Dopo le invasioni dei barbari, il dominio dei Longobardi influenzò l’organizzazione del territorio e le proprietà dei fondi. L’invasione longobarda travolse la vita e il costume romano cambiando perfino il nome alla nostra regione, che assunse quello di Longobardia, trasformato poi in Lombardia.

 

[1] Gabriella Rossetti, Società e istituzioni nel contado lombardo durante il Medioevo: Cologno Monzese, Tomo primo Sec.VIII-X, Milano, Giuffrè, 1968.

[2]  ibidem nota [1]

 

Continua ico_more


| Torna all'Indice |

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (3 valutazioni)