dettaglio della notizia

Questa è la pagina di approfondimento della notizia che hai scelto.

Reddito di Inclusione (ReI)

notizia pubblicata in data : giovedì 30 novembre 2017

Reddito di Inclusione (ReI)

Il Reddito di Inclusione (REI) è una misura di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale introdotta dal decreto legislativo 15 settembre 2017, n. 147.
 

Tale misura prevede un beneficio economico erogato attraverso l’attribuzione di una carta prepagata emessa da Poste Italiane spa ed è subordinata alla valutazione della situazione economica e all’adesione a un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa.

Il beneficio economico sarà erogato per un massimo di 18 mesi, dai quali saranno sottratte le eventuali mensilità di Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA) percepite.

Il nucleo richiedente dovrà soddisfare specifici requisiti di residenza e anagrafici, economici, di composizione del nucleo familiare e di compatibilità, specificati dalla normativa.

L’ammontare dell’importo è correlato al numero dei componenti del nucleo familiare e tiene conto di eventuali trattamenti assistenziali e dei redditi in capo al nucleo stesso. In ogni caso, l’importo complessivo annuo non può superare quello dell’assegno sociale (circa 485 euro al mese).

Coloro che, alla data del 1° dicembre 2017, stanno ancora percependo il SIA potranno presentare immediatamente domanda di REI o decidere di presentarla al termine della percezione del SIA, senza che dalla scelta derivi alcun pregiudizio di carattere economico.

A far data dal 1° gennaio 2018, ai nuclei familiari con componenti minorenni beneficiari della Carta Acquisti che abbiano fatto richiesta del ReI, il beneficio economico connesso al ReI è erogato sulla medesima carta, assorbendo integralmente il beneficio della Carta Acquisti eventualmente già riconosciuto.

Al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata del beneficio, il richiedente deve essere in possesso di un’attestazione ISEE in corso di validità.
 

La domanda di accesso alla prestazione potrà essere presentata dai cittadini residenti utilizzando il modello allegato dal 1° dicembre 2017 presso il Settore Servizi Sociali – Ufficio Amministrativo - Sportello REI
 


Condizioni e modalità per l’erogazione di un beneficio tramite Carta ReI alle famiglie in condizioni economiche disagiate
 

Il ReI – Reddito di Inclusione - è una nuova misura nazionale di contrasto alla povertà a carattere universale, che prevede un beneficio economico alle famiglie economicamente svantaggiate.

Il ReI si compone di:

  • un beneficio economico viene erogato tramite la CARTA REI, una carta di pagamento utilizzabile per:
  1. gli acquisti in tutti i supermercati, negozi alimentari, farmacie e parafarmacie abilitati al circuito MasterCard;
  2. Il pagamento delle bollette elettriche e del gas presso gli uffici postali;
  3. Prelevare contante entro un limite mensile non superiore alla metà del beneficio massimo attribuibile;
  • un progetto personalizzato: il sussidio è subordinato ad un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa predisposto dai servizi sociali del Comune, in rete con i servizi per l’impiego, i servizi sanitari, le scuole, soggetti del terzo e quarto settore (associazioni, cooperative sociali, etc.), altri soggetti pubblici e privati. Il progetto coinvolge tutti i componenti del nucleo familiare e prevede specifici impegni per adulti e minori sulla base di una valutazione globale delle problematiche e dei bisogni.

CHI ACCEDE AL REI:

Possono accedere al REI i nuclei familiari al cui interno sia presente al momento della presentazione della domanda e per l’intera durata dell’erogazione del beneficio una delle seguenti condizioni:

  • Presenza di un componente di età minore di anni 18
  • Presenza di una persona con disabilità e di almeno un genitore o di un tutore
  • Presenza di una donna in stato di gravidanza accertata
  • di almeno un lavoratore di età pari o superiore a 55 anni, che si trovi in stato di disoccupazione per licenziamento, anche collettivo, dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale intervenuta nell’ambito della procedura di cui all’articolo 7 della legge 15 luglio 1966, n. 604, ed abbia cessato, da almeno tre mesi, di beneficiare dell’intera prestazione per la disoccupazione, ovvero, nel caso in cui non abbia diritto di conseguire alcuna prestazione di disoccupazione per mancanza dei necessari requisiti, si trovi in stato di disoccupazione da almeno tre mesi.

Requisiti generali:

Il richiedente deve essere in possesso dei seguenti requisiti generali al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata della erogazione del beneficio:

  • cittadino italiano ovvero cittadino dell’Unione Europea o suo familiare che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero, cittadino di paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo ovvero apolide in possesso di analogo permesso ovvero titolare di protezione internazionale (asilo politico, protezione sussidiaria);
  • residente in Italia, in via continuativa, da almeno due anni al momento di presentazione della domanda.

Il nucleo familiare deve inoltre essere in possesso dei seguenti requisiti generali al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata della erogazione del beneficio:

  • ISEE in corso di validità ≤ 6.000 euro;
  • ISRE (1) ≤ 3.000 euro;
  • Un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione,  20.000 euro;
  • Un valore del patrimonio mobiliare 10.000 euro (ridotti a 8.000 euro per la coppia e a 6.000 euro per la persona sola)
  • nessun componente il nucleo deve risultare titolare di prestazioni di assicurazione sociale per l’impiego (NASPI) o altri ammortizzatori sociali di sostegno al reddito in caso di disoccupazione involontaria;

Inoltre il nucleo non deve risultare in possesso al momento della presentazione della domanda di:

  • autoveicoli e/o motoveicoli immatricolati la prima volta nei ventiquattro mesi antecedenti la richiesta:
  • navi o imbarcazioni da diporto.

(1) L’ISRE è pari all’indicatore della situazione reddituale (ISR) dell’ISEE diviso la scala di equivalenza corrispondente alla specifica composizione del nucleo familiare, al netto delle maggiorazioni.

 

Come accedere al REI

La domanda può essere presentata al Comune di residenza, a partire dal 1° dicembre 2017, sull’allegato modello predisposto dall’INPS.

Alla domanda, debitamente compilata, dovrà essere allegata la seguente documentazione:

  • Fotocopia del documento di identità in corso di validità;
  • Attestazione I.S.E.E. in corso di validità completa di DSU;
  • Certificato di disoccupazione, qualora sussista il caso.

Le domande saranno valutate in ordine cronologico, in base alla data di presentazione.

 

Il reddito di inclusione (REI) sarà erogato a partire dal 1^ gennaio 2018.




Informazioni e presentazione domande:

Servizi Sociali – Ufficio Amministrativo - Sportello REI
Via Petrarca, 11 – secondo Piano
orario:
martedì 9–12 / 14–17 e venerdì 9–12

email: servizisociali@comune.colognomonzese.mi.it

 

Pubblicato in data:  giovedì 30 novembre 2017
Ultima modifica in data:  martedì 23 gennaio 2018
Risultato
  • 2
(168 valutazioni)
TORNA SU